News

Curiosità

Essere mammoni può mettere a rischio il matrimonio

Quante volte abbiamo accusato il nostro compagno o la nostra compagna di essere troppo mammone/mammona? Quante volte ci siamo lamentati del fatto che andasse a trovare la mamma tutti i giorni? E quante volte è capitato di dover constatare che non sapesse prendere una decisione senza sentire prima il suo parere?

Quando ci si trova a dover fare i conti con una forte forma di dipendenza psicologica dalla famiglia d'origine, che denota l'immaturità del nostro compagno o della nostra compagna, le cose diventano davvero complicate.

Nella relazione introduttiva all’apertura dell’anno giudiziario ecclesiastico ligure, monsignor Paolo Rigon, vicario giudiziale, ha affermato che il mammismo può essere causa di annullamento di matrimonio da parte della Sacra Rota, soprattutto quando questo eccessivo legame verso la famiglia d'origine non favorisce una serena vita matrimoniale.

A una lettura superficiale questa notizia può far sorridere; ad un'analisi più approfondita diventa invece chiaro che il mammismo è una forma di dipendenza psicologica che denota l'immaturità di uno dei due coniugi, ne deriva l'impossibilità di vivere serenamente la vita coniugale visto che la dolce metà finisce per assumere un ruolo di coprotagonista e non quello di protagonista.

Va bene che "la mamma è sempre la mamma" ma ci vuole la giusta misura!

Condividi: